DigiBess – Pane, acqua e…: due eventi IRCrES-CNR a Expo2015

Continua l’attività di promozione di Only Italia e Digital Cultural Heritage School, impegnate nel promuovere la Cultura italiana sul palcoscenico internazionale di Expo con un calendario che vede come attori protagonisti enti di ricerca, università e istituzioni culturali. Sono due gli appuntamenti previsti nella giornata di sabato 3 ottobre 2015 presso la Sala VIP del Cluster Biomediterraneo in cui al centro della scena ci sarà l’IRCrES-CNR, l’Istituto di Ricerca per la Crescita Economica Sostenibile del CNR.

Dalle ore 13.00 alle ore 14.00 il dott. Gianfranco Birello e la dott.ssa Anna Perin presenteranno DigiBESS, un repository di materiale socio-economico dell’area Piemontese del gruppo Biblioteche di Bess. DigiBESS è nato grazie al contributo della Compagnia di San Paolo, contiene attualmente 600.000 pagine ed è in costante crescita. Il repository è stato costruito dall’IRCrES-CNR interamente con software open-source ed è OAI-PMH compliant e grazie all’harvesting è diffuso nei principali metacataloghi internazionali come Europeana e Cultura Italia. Tre videoclip illustreranno il progetto: il primo darà un overview della progettazione e realizzazione del repository ed evidenzierà alcuni concetti chiave per capire il progetto. Il secondo illustrerà le funzionalità di base del repository quali ricerca full text, facet per raffinare le ricerche, possibilità di scaricare i pdf o i tiff delle singole pagine. Il terzo proporrà infine alcuni percorsi di ricerca come esempi di utilizzo.

Dalle ore 15:00 alle ore 16:00 ci sarà invece il dibattito Pane, acqua e…: narrare il cibo in Piemonte in cui interverranno la dott.ssa Antonella Emina e la dott.ssa Isabella Maria Zoppi e che sarà intervallato da tre proiezioni audiovisive: i video Pane aquae e… e Archivi digitali di parole e memoria e il project trailer Fame e abbondanza. L’obiettivo consiste nel mostrare, attraverso un case study, come l’utilizzo delle tecnologie digitali, pur perseguendo obiettivi di conservazione e studio, possa allargare la ricerca in ambito umanistico, sollecitando l’interesse di un pubblico vasto e presentando aspetti differenti rispetto alla lettura tradizionale. IRCrES-CNR sta sviluppando il progetto Fame e abbondanza nella narrazione popolare in Piemonte: pratiche di valorizzazione del patrimonio culturale, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino.

Inoltre IRCrEs-CNR ha pubblicato sul suo canale Youtube tre video divulgativi sul progetto “Fame e abbondanza nella narrazione popolare in Piemonte. Pratiche di valorizzazione del patrimonio culturale”.

DigiBESS_IRCRES-page-001 Pane acqua_IRCRES-page-001

 

Il vocabolario della Crusca e le parole del cibo

Only Italia e Digital Cultural Heritage School, impegnate nel promuovere la Cultura italiana sul palcoscenico internazionale di Expo 2015, continuano la loro attività di promozione degli enti di ricerca, delle università e delle istituzioni culturali, proponendo un ampio calendario di incontri con le eccellenze della cultura italiana.

Sabato 3 ottobre 2015 alle ore 17:00, presso la Sala VIP del Cluster Biomediterraneo, è previsto un importante appuntamento con la prestigiosa Accademia della Crusca sul tema Il Vocabolario della Crusca e le parole del cibo.

L’Accademia della Crusca, fondata a Firenze nel 1583, è una delle più antiche accademie del mondo. Ad essa si deve la pubblicazione, nel 1612, del primo esempio europeo di un grande vocabolario nazionale di impianto moderno (Vocabolario degli Accademici della Crusca, Venezia, 1612, prima edizione). Oggi l’Accademia della Crusca è un importante centro di ricerca scientifica dedicato allo studio e alla valorizzazione della lingua italiana. Suoi obiettivi principali sono la cura e la diffusione dell’italiano, la conoscenza della sua storia e la coscienza critica della sua evoluzione nel quadro degli attuali scambi interlinguistici. L’istituzione è attualmente un prestigioso riferimento internazionale per tutti coloro che si interessano alla nostra lingua.

Il Presidente Claudio Marazzini e il Presidente Onorario Francesco Sabatini, ripercorreranno le diverse edizioni del Vocabolario illustrando le voci relative al cibo e soffermandosi su alcuni termini giunti in italiano da mondi lontani e poi fatti nostri. Si parlerà degli autori che hanno scritto sui temi della cucina, tra i quali l’Artusi. Parteciperà inoltre all’incontro la dott.ssa Ludovica Maconi, assegnista di ricerca presso l’Università del Piemonte Orientale, che illustrerà, con esempi relativi al cibo, le tecniche di “retrodatazione” delle parole su cui ha lavorato in un progetto comune dell’Accademia della Crusca e della casa editrice Zanichelli.